seguici su facebook   english version   Comune di Montebelluna

BIBLIOTECHE AREA MONTEBELLUNESE

HOME
BAMBINI DI CRISTALLO
©Salani
Kristina Ohlsson
BAMBINI DI CRISTALLO
Salani, 2015


 da 13 anni




Link al catalogo




A Billie non piace affatto la nuova casa in cui si è trasferita con sua madre, dopo la morte del papà. Mobili tarlati, oggetti polverosi e resti spettrali dei precedenti inquilini riempiono la vecchia abitazione; la vernice si scrosta dai muri e ovunque c'è un odore particolare, come se nessuno la abitasse da parecchio tempo. Ma non solo: strane cose accadono, specialmente di notte, quando tutti dormono.

"Nella stanza degli ospiti non c'era una lampada a soffitto, ma solo una piccola applique che con la sua luce fioca tingeva tutto di giallo. Billie si avvicinò al tavolino e si chinò per sollevarlo. Restò impietrita. Non poteva essere. Si sedette sui talloni per avvicinarsi di più. No, non aveva visto male. E più guardava quel ripiano polveroso, più lo spavento cresceva.
Sopra la striscia che lei stessa aveva disegnato nella polvere, qualcuno aveva lasciato l'impronta di una mano piccolissima. Come se un bambino fosse entrato in casa mentre loro erano in spiaggia, avesse posato la mano sulla polvere e poi se ne fosse andato."

"Billie si chinò a guardare. Al buio si vedeva male, ma non importava, perchè lo riconobbe subito. Sul tavolino dove aveva trovato l'impronta, qualcuno aveva messo il vecchio giornaletto di fumetti che aveva buttato in uno scatolone il primo giorno. Sembrava che qualcuno ci avesse scritto sopra qualcosa. Quando Billie si chinò a leggere quella calligrafia infantile, il cuore cominciò a batterle tanto forte che le parve sul punto di esplodere.
'Sparisci!' c'era scritto."